Festa di Sant’Agnese

Il Pianeta Maldicenza


Al via la tredicesima edizione del Festival “Il Pianeta Maldicenza”, organizzato da varie congreghe agnesine di L’Aquila con il coordinamento della Confraternita dei Devoti di Sant’Agnese .

Si comincia sabato 6 gennaio con la riproposizione dello Zibaldone Aquilano per omaggiare il suo autore, Mario Lolli, a 100 anni dalla nascita.

Da mercoledì 10 a venerdì 11 gennaio sono previste proiezioni cinematografiche che ripropongono storie di maldicenza.

La compagnia teatrale “La bottega dei Guitti” propone, il 19 gennaio, la recita in dialetto aquilano “Ji sogni non s’addormono mai“.

“Dovuto e sentito”, afferma la nota dei promotori, “l’omaggio a Ludovico Nardecchia, primo promotore del Pianeta Maldicenza ed ex Amministratore comunale, scomparso lo scorso marzo”. Per lui è stato preparato uno spettacolo canoro (“Massera è ‘na notte ‘ncantata“) che si svolgerà il 21 gennaio (giorno di Sant’Agnese) al Ridotto del Teatro comunale con la partecipazione della Corale Gran Sasso.

L’Agnesino d’oro 2018 – intitolato allo stesso Nardecchia – sarà assegnato al termine del concorso d’arte che si svolgerà nel pomeriggio del 20 gennaio all’Auditorium del Parco.


L’origine della tradizionale festa di Sant’Agnese è incerta. Sembra che nei primi anni della fondazione della città, vi erano gruppi di persone che si riunivano presso locande ed osterie per criticare i signori di allora.

Per questo motivo, un gruppo di questi fu esiliato dalla città il 21 gennaio e furono pertanto detti “quelli di sant’Agnese“. Dopo sei mesi, a seguito delle numerose richieste da parte delle madri, mogli e fidanzate, “quelli di sant’Agnese” furono riammessi in città. L’unica condizione fu che non facessero più pettegolezzi all’interno delle mura cittadine. Presero pertanto a riunirsi presso un’osteria vicino a Porta Rivera.

Programma Maldicenza 2018

Sant'Agnese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *